Sicurezza e qualità delle carni: un binomio difficilmente scomponibile

La Pro Loco di Budrio, per la 26° edizione di Agribu, ha promosso un convegno sulla sicurezza e la qualità della carne che quotidianamente consumiamo.

L’obiettivo che ci si propone è di aiutare il cittadino a scegliere consapevolmente con particolare attenzione alla salute, alla genuinità, al palato e nel contempo privilegiare le produzioni del nostro territorio, sicuramente più garantite.

In sintesi, quando ci apprestiamo a comprare la carne in macelleria o al supermercato, siamo certi della qualità e della sicurezza per la nostra salute?

In materia di legiferazione, l’Italia si può considerare tra i paesi all’avanguardia con controlli severi sulla produzione interna e quindi legittimano una certa fiducia nel nostro sistema.

Le norme europee vietano l’utilizzo degli ormoni anabolizzanti zootecnici. Si tratta di leggi corrette e benemerite, ma trovano completa attuazione in tutti gli stati membri?

I dubbi, poi, aumentano con le importazioni da paesi esterni all’Unione Europea dove in alcuni casi l’inoculazione di estrogeni è consentita. Con il Brasile, per esempio, (accordo Mercosur) la UE ha sottoscritto un contratto commerciale per l’importazione di circa 100.000 tonnellate di carne che non brilla spesso per qualità.

Per saperne di più partecipate al convegno di Sabato 5 Ottobre alle ore 10.30 presso l’Auditorium di via Saffi a Budrio.

 

 

 

 

 

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest