Riapertura scuole, salta un servizio di trasporto

Riapertura scuole, salta un servizio di trasporto

Non sono ancora state riaperte le scuole e già salta un servizio di trasporto. Il Comune sul proprio sito  informa le famiglie che proprio lunedì 10 Gennaio 2022, giorno del rientro tra i banchi, il servizio di trasporto scolastico della corsa di andata  Mezzolara-Dugliolo non sarà effettuato per la scuola secondaria e per la scuola primaria di Mezzolara. Saà invece  garantita la corsa di ritorno.

Le ragioni addotte sono “motivi di forza maggiore” legati all’attuale situazione di emergenza pandemica.

Situazione ingestibile, l’appello dei presidi

Nella riapertura delle scuole si preannuncia una «situazione ingestibile» che con tutta probabilità provocherà frammentazione, interruzione delle lezioni e scarsa efficacia formativa. La stessa della quale parlano due mila e cinquecento presidi italiani. Questi ultimi, nei giorni scorsi hanno firmato un appello per chiedere a Mario Draghi e Patrizio Bianchi, il ministro dell’Istruzione perché venissero concesse due settimane di didattica a distanza.
Richiesta che non è stata presa in considerazione dal governo.
Come se non bastasse, a tutto ciò si aggiunge l’incertezza nei genitori chiamati a districarsi in un quadro di protocolli che prevedono percorsi differenziati secondo i vari casi.

Riapertura scuole: le novità del decreto

Nella riapertura scuole dell’infanzia, nelle classi delle primarie e secondarie, in presenza di alunni  esentati dall’uso della mascherina per specifici motivi, gli insegnanti dovranno indossare le mascherine Ffp2.

  • nuove regole anche per la gestione delle quarantene:
  • alla materna, in presenza di un positivo in classe, scatta la sospensione delle attività per 10 giorni;
  • alle elementari con un solo caso si applica la sorveglianza, che prevede un tampone al primo e al quinto giorno dalla scoperta del caso, e con due si va in dad per 10 giorni;
  • per medie e superiori la norma prevede invece tre diversi step: con un caso di positività si continua ad andare a scuola in presenza e si applica l’autosorveglianza e l’obbligo di mascherine Ffp2; con due casi chi è vaccinato con il booster o guarito da meno di 4 mesi resta in classe, i non vaccinati e i vaccinati e guariti da più di 120 giorni vanno invece in dad; con 3 positivi, tutta la classe resta a casa e segue le lezioni da remoto per un tempo massimo di 10 giorni.

 

Leggi anche:

Quarantena e green pass, che cosa cambia da oggi

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest