Occhio alla vista…prima del suono della campanella!

Manca poco al suono della campanella ma già da tempo il back to school sta impegnando genitori e bambini nei preparativi per il tanto atteso ritorno sui banchi.

Oltre ai libri, astucci e quaderni, non dimentichiamoci di controllare anche lo strumento principale che gli studenti – dal nido all’università- useranno tutti i giorni, ovvero gli occhi!

Concentrandoci sui più piccini, il problema è che spesso non ci si accorge se un bambino ha problemi di vista perchè non ci sono segni evidenti che manifestano tale anomalia.

Uno dei problemi visivi più frequenti nell’infanzia è l’ambliopia o “occhio pigro”.

L’ambliopia si manifesta quando a livello cerebrale viene bloccata l’informazione visiva proveniente da un occhio.

Alcune cause di ambliopia possono essere:

• strabismo: quando gli occhi fissano in direzioni diverse.

• difetti visivi: miopia, ipermetropia o astigmatismo. Se un bambino ha un difetto visivo peggiore in un occhio, quest’ultimo verrà escluso e la vista non si svilupperà in modo adeguato. Questo può essere difficile da capire perchè il bambino sembra vedere bene quando usa entrambi gli occhi.

• opacità dei diottri oculari: alcuni bambini nascono con una cataratta, cioè con un’opacità del cristallino (la lente naturale dell’occhio). Questo può impedire il normale sviluppo visivo in quell’occhio.

• ptosi: un abbassamento della palpebra congenito può bloccare lo sviluppo visivo in un occhio e portare all’ambliopia.

Se si instaura l’ambliopia, la vista viene progressivamente persa e il recupero visivo diventa a volte impossibile se non ce ne si accorge nei primi anni di vita.

Questo è il motivo per cui è così importante la visita oculistica nei bambini, in quanto permette di diagnosticare precocemente delle anomalie e di intervenire prima che il problema diventi davvero importante, anche perché prima viene instaurato il trattamento, migliore sarà il recupero visivo.

La visita oculistica va eseguita periodicamente durante l’infanzia.

La Società Oftalmologica Italiana consiglia una visita oculistica alla nascita, una entro i 3 anni di età e una all’inizio della prima elementare.

Il nostro consiglio, dunque, è di approfittare di questi giorni che precedono l’inizio della scuola per effettuare una visita oculistica preventiva.

Non ci rimane che augurare …buon inizio a nostri piccoli studenti!

Dott.ssa Federica Fioravanti
Specialista In Oculistica e Oftalmologia Pediatrica
https://poliambulatorioilgirasole.it/equipe/dott-ssa-federica-fioravanti/?str=23

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest