Dall’1 al 10 ottobre al via Agribu 2021

Sarà un’edizione rinnovata la ventottesima rassegna di Agribu 2021, in programma l’1-2-3 e 7-8-9-10 ottobre. Rispetto del territorio e sostenibilità ambientale sono i punti di partenza dell’edizione di quest’anno, che si ispira all’opera di Pellegrino Artusi.

Le novità

Le novità riguardano sia il tema conduttore della manifestazione, che dall’agricoltura e gli allevamenti spazia anche verso l’alimentazione e la sua sostenibilità, sia la formula ristorativa, perché nell’area dell’Ex lavatoio di via Verdi sarà allestito il Budrio Borgo Food abbreviato BBF. Disposto nell’area parcheggio della stazione Budrio Centro si articolerà in diversi settori dove espositori provenienti da tutta Italia proporranno i loro prodotti tipici in gustose varianti.Inoltre ci sarà anche un’area Green Farm  che offrirà la possibilità di acquistare prodotti freschi, biologici, a km 0 di aziende agricole del nostro territorio.

All’interno di questo BBF, un’altra novità di quest’anno sarà l’area Food a tema, presente nell’ area Ex Lavatoio di Via Verdi, parcheggio stazione e Parco Alessandrini.

Grazie a un accordo con l’Associazione CuochiMaster saranno presenti 15 ristoranti con specialità tipiche e legate al tema proposto quest’anno: le ricette di Pellegrino Artusi.

La rassegna Artusiana ospiterà lo show cooking in cui si alterneranno Chef e i ragazzi degli Istituti Alberghieri  delle provincie di Bologna, Ravenna e Ferrara.

Trait d’union con il precedente Autunno Agricolo Budriese è il concorso enogastronomico che premierà i ragazzi degli Istituti alberghieri partecipanti proponendo i migliori piatti della Cucina Artusiana, in collaborazione con Confcommercio, Ascom.

La competizione culinaria tra gli Istituti alberghieri sarà premiata da una Giuria presieduta da un personaggio importante della gastronomia bolognese.

Budrio 900

All’interno del centro storico con il titolo Budrio 900 saranno inaugurate ben cinque mostre che raccolgono testimonianze fotografiche, oggetti, trattori dei primi del ‘900, moda e mobilio di quel periodo. Tutt’attorno nelle diverse giornate ruoteranno esposizioni di bancarelle con temi specifici come l’antiquariato, cioccodolciumi, alimentari e prodotti artigianali.

Anche gli agricoltori avranno un loro spazio dedicato all’incontro promosso da BCC Felsinea con tema importante sul futuro dei cereali a fronte della scarsa disponibilità sul mercato, la pandemia e i prezzi raggiunti.

Spettacoli e intrattenimento

Gli spettacoli di intrattenimento non mancheranno tra scuole di ballo, sfilata di moda vintage e concerti live tutte le sere della manifestazione. La Fanfara dei Carabinieri chiuderà il programma del pomeriggio di domenica 10 ottobre.

Agribu 2021 sarà anche l’occasione per inaugurare il nuovo  InfoPoint nei locali delle Torri dell’Acqua, un evento per presentare le 4 Proloco che hanno avviato un programma di divulgazione in rete del territorio.

Nella serata conclusiva di Agribu del 10 ottobre, nella Chiesa di San Lorenzo si terrà il Concerto finale del Marzadori Sister’ & Friends, con la Siesta Napoletana, dove  la violoncellista Irene Marzadori si esibirà insieme ad altri di cinque giovanissimi violoncellisti, formatisi nelle migliori Scuole e Accademie italiane ed Europee.

Buon Agribu 2021

scarica il  programma agribu2021

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on pinterest
Pinterest